Elon Musk rinuncia alla causa contro OpenAI: il creatore di ChatGPT sotto accusa

Elon Musk ha rinunciato, martedì 11 giugno, alla sua azione legale contro OpenAI e il suo CEO Sam Altman, che aveva citato in giudizio per aver infranto, secondo lui, la missione dell’organizzazione non profit. Uno dei legali dell’imprenditore ha depositato un documento a San Francisco, consultato dall’AFP, senza specificare le ragioni dell’abbandono delle accuse, avviate alla fine di febbraio.

Musk ha criticato Sam Altman e Greg Brockman, con cui aveva fondato OpenAI nel 2015, per aver violato la carta fondativa della startup. Oltre allo status non profit, la carta prevedeva che la tecnologia alla base dei prodotti di OpenAI fosse resa disponibile al pubblico tramite il sistema open source.

OpenAI non ha reso accessibile il suo modello linguistico GPT-4, un programma che utilizza una vasta quantità di dati per consentire a software come ChatGPT di rispondere a domande in linguaggio naturale. Musk si è distaccato da OpenAI nel 2018 e nel 2023 ha creato una nuova startup dedicata all’intelligenza artificiale generativa, xAI.

Nel documento presentato in febbraio, il CEO di Tesla ha anche criticato l’accordo tra OpenAI e Microsoft, sostenendo che GPT-4 sia diventato l’algoritmo di fatto di Microsoft. Musk ha anche accusato Altman e OpenAI di trascurare la valutazione e il controllo dei rischi legati allo sviluppo dell’IA generativa.

Fonte: www.corriere.it

➡️ACCEDI A CHATGPT IN ITALIANO CLICCANDO QUI ! ⬅️

Comments

Amore algoritmo: Lisa e la sua intelligenza artificiale - Chat GPT Italia

[…] è una versione modificata del chatbot di OpenAI ChatGPT. Modificata perché con Dan è possibile utilizzare un linguaggio abbastanza esplicito, il che è […]

Esegui l'accesso per Commentare