La Rivoluzione Tecnologica: Perché l’Intelligenza Artificiale Ci Spingerà ad Acquistare gli Ultimi iPhone e iPad

Apple si prepara a significative innovazioni basate sull’IA con l’arrivo di iOS 18

Apple si prepara a importanti innovazioni basate sull’intelligenza artificiale con l’arrivo di iOS 18. Tuttavia, questi avanzamenti potrebbero portare a una notevole frammentazione tra iPhone, iPad e Mac.

Siri, IA e Potenza di Calcolo Locale

Dopo Siri, Mark Gurman di Bloomberg ci offre interessanti intuizioni sugli annunci previsti al prossimo WWDC riguardanti iOS 18 e i progressi nell’intelligenza artificiale.

Apple sta pianificando di reinventare Siri, il suo assistente virtuale. Tuttavia, questa evoluzione potrebbe introdurre una notevole frammentazione tra i dispositivi Apple.

La frammentazione si riferisce alla situazione in cui un sistema operativo ha molte versioni in circolazione, rendendo difficile per gli sviluppatori creare applicazioni compatibili con tutti i dispositivi e portando a problemi di sicurezza e prestazioni.

Con iOS 18, Apple dovrebbe aggiungere funzionalità di IA che richiedono una notevole potenza di calcolo locale, il che potrebbe limitare l’accessibilità ai modelli più recenti come l’iPhone 15 Pro.

Le nuove capacità di Siri, che utilizzeranno un grande modello linguistico (LLM) per controllare direttamente le applicazioni tramite voce, richiederanno risorse hardware più avanzate.

I compiti di IA più semplici verranno elaborati direttamente sui dispositivi, mentre le funzioni più complesse saranno gestite tramite il cloud.

Sfide della Frammazione Tecnologica

La situazione non è unica per Apple. Ad esempio, solo i PC Copilot Plus potranno utilizzare la nuova funzione Recall di Windows 11, mostrando una tendenza in cui le nuove funzionalità di IA richiedono componenti hardware specifici come le unità di elaborazione neurale (NPU). Questo requisito potrebbe creare una frammentazione simile a quella prevista con iOS 18.

Lo stesso sta accadendo con Samsung: i dispositivi Galaxy S24 più recenti beneficiano delle nuove funzionalità Galaxy AI. Tuttavia, queste funzionalità sono solo parzialmente disponibili sui dispositivi più vecchi.

È concepibile che il Galaxy S24, con i suoi sette anni di supporto garantito per gli aggiornamenti software, non offrirà tutte le nuove funzioni di IA nei prossimi anni. Infatti, l’integrazione dell’IA spesso richiede componenti hardware specifici e alta potenza di calcolo. Questa situazione crea una frammentazione comparabile a quella prevista per Apple.

Apple è un Buon Studente

Va notato che Apple è uno dei buoni studenti quando si tratta di supportare i dispositivi più vecchi con nuove versioni di iOS. Tuttavia, come suggerisce Mark Gurman, sembra evidente che alcune nuove funzionalità di IA richiederanno un iPhone 15 Pro e futuri iPhone, o chip M1 su dispositivi come l’iPad Pro, per funzionare, potenzialmente lasciando indietro gli utenti con dispositivi più vecchi.

Per Mark Gurman, questo è chiaramente un modo per incoraggiare gli utenti ad aggiornare il loro iPhone e iPad. Questa strategia deve essere ben accolta da Apple: gli smartphone e i tablet hanno una durata sempre più lunga, con un tasso di sostituzione in diminuzione.

Fonte

Per ulteriori informazioni su questo argomento, visita Apple si prepara a introdurre nuove funzionalità di IA con iOS 18 su HDBlog.

 

➡️ACCEDI A CHATGPT IN ITALIANO CLICCANDO QUI ! ⬅️

Comments

IPhone IPad e Mac Chat GPT Italia

[…] la keynote della WWDC 2024 si avvicina, il giornalista di Bloomberg, Mark Gurman, sempre ben informato sui piani di […]

Samsung Galaxy S24 - Chat GPT Italia

[…] (contro i 50 del modello precedente) e 50 milioni di pixel sui S24 e S24 Plus. Va anche notato che l‘intelligenza artificiale interverrà già al primo livello di zoom, cosa che non accadeva in […]

Esegui l'accesso per Commentare