Il destino di ChatGPT e dell’intelligenza artificiale generativa in gioco in questo processo cruciale.

➡️ACCEDI A CHATGPT IN ITALIANO  CLICCANDO QUI ! ⬅️

Il New York Times accusa Microsoft e OpenAI di plagio, mettendo a rischio il futuro dell’intelligenza artificiale generativa.

Il New York Times accusa Microsoft e OpenAI

Il New York Times ha rivelato la sua intenzione di intentare una causa legale contro Microsoft e OpenAI per preservare i propri diritti intellettuali di fronte all’intelligenza artificiale.

Le accuse del New York Times

Il New York Times afferma che Microsoft e OpenAI hanno illegalmente utilizzato i contenuti giornalistici del media, risalenti a oltre 170 anni fa, per alimentare le loro tecnologie di intelligenza artificiale generativa, come ChatGPT e Bing Chat (precedentemente Microsoft Copilot).

Il media rimprovera a queste aziende di trarre vantaggio dal suo lavoro di lunga data senza alcuna compensazione, violando le rigorose leggi sul diritto d’autore e la proprietà intellettuale negli Stati Uniti.

Oltre al plagio, il New York Times sottolinea l’eccezionale qualità dei suoi scritti, frutto di un lavoro umano accurato e professionale, in confronto ad altri contenuti meno rilevanti per l’IA.

Domanda cruciale sul copyright nell’IA

Questa controversia solleva una problematica importante riguardo al rispetto del diritto d’autore nel campo dell’intelligenza artificiale. Gli strumenti basati su modelli linguistici massicci sono già stati criticati per il loro potenziale di plagio, così come nella generazione di immagini molto fedeli a opere esistenti.

Il New York Times accusa Microsoft e OpenAI
ChatGPT può copiare un estratto di articolo normalmente bloccato dietro un paywall

Questa vicenda segue altre tensioni sull’uso commerciale dei dati da parte dell’IA, in particolare nell’industria cinematografica e dei videogiochi.

Un processo decisivo per il futuro dell’IA

Questo processo avviato dal New York Times potrebbe potenzialmente ridefinire le regole del gioco per l’uso delle tecnologie di intelligenza artificiale generativa. Evidenzia l’importanza per le aziende di questo settore di rispettare i diritti d’autore e remunerare equamente i detentori dei contenuti utilizzati.

Il media supporta la sua denuncia con una documentazione approfondita e chiede danni per diversi miliardi di dollari, mettendo così in luce l’entità finanziaria di questa problematica.

 

Fonte : Wired.it

 

➡️ACCEDI A CHATGPT IN ITALIANO  CLICCANDO QUI ! ⬅️

 

Esegui l'accesso per Commentare